INSTALLAZIONE SERRANDE AVVOLGIBILI BILANCIATE CON MOLLE
FACCIAMO CHIAREZZA

Con questa pagina vogliamo meglio chiarire alcuni punti relativi all'installazione di operatori per serrande avvolgibili bilanciate con molle.
Qui di seguito ne elenchiamo solo alcuni.
Ogni installatore è tenuto a leggersi le norme europee rilasciate dal CEI e dall'UNI.
Interpretazioni comunicate dai produttori (come noi) NON SONO mai complete ed esaurienti e possono persino risultare fuorvianti.

VALUTAZIONE DI CONFORMITA'
Secondo la norma EN13241-1 (Porte e cancelli industriali, commerciali e da garage) la valutazione di conformità (6.1) di un cancello, con o senza motorizzazione, può essere eseguita su ordine del fabbricante da un laboratorio esterno su un campione (6.2), oppure può essere eseguita direttamente dall'installatore eseguendo verifiche sul posto (in situ) (6.3).
Le verifiche sul posto consistono nel controllo che la porta motorizzata sia conforme alla EN12604 e risponda alla EN12453.

CONTROLLO DELLA SERRANDA (EN 12604 “Chiusure Industriali, Commerciali, per garage e cancelli - Aspetti meccanici)

  1. Prima di motorizzare una serranda, questa deve essere conforme alla norma EN12604 indifferentemente dalla data nella quale è stata realizzata.
    Se la serranda è datata e non è conforme, PRIMA di procedere con l'installazione dell'operatore, deve essere "aggiornata" per ottemperare ai vari punti dettati dalla norma...es: Le molle sono rotte ? SI SOSTITUISCONO !
    La norma europea EN 12604 al punto 4.3. “protezione contro movimenti non intenzionali e non controllati”, richiede, tra le altre cose, che*:
  2. Il sistema di bilanciamento della serranda deve mantenerla in equilibrio in qualsiasi posizione, o comunque lo sbilanciamento non deve produrre una forza statica superiore a 150N (15,3Kg) sul bordo di chiusura. Fate questa verifica sbloccando l’operatore.
  3. In caso di rottura di una molla, lo sbilanciamento della serranda non deve superare i 200N (20,4Kg), anche quando si sblocca il JOLLY per passare al funzionamento manuale. A seguito di ciò, è obbligatorio ripristinare il corretto bilanciamento della serranda. Si suggerisce perciò di frazionare il peso della serranda su un adeguato numero di molle. (*libera interpretazione)
    N.B.: Secondo la EN12604 al punto 4.3.4, se il punto 3 viene rispettato non è necessario dotarla di un dispositivo anti-caduta.
  4. La serranda deve essere portata nelle sue posizioni di riposo terminali senza urti inopportuni. (EN12604 punto 4.3.1). N.B.: Installare un'operatore senza effettuare la regolazione dei finecorsa comporta una successione di urti impropri sulla meccanica dell'operatore e sulla struttura della serranda che ne possono compromettere la sicurezza. NON REGOLARE I FINECORSA PER RISPARMIARE TEMPO COMPORTA AUTOMATICAMENTE LA NON CONFORMITA' DELL'INSTALLAZIONE !!
  5. Il costruttore della serranda deve dichiarare il numero di cicli di funzionamento completi per i quali il prodotto è progettato/costruito evidenziando la manutenzione programmata e la sostituzione delle parti soggette a normale usura e fatica in una posizione prominente del prodotto.
    Per poter eseguire in modo sicuro la movimentazione manuale della serranda occorre verificare che:
  6. sull’anta siano presenti maniglie idonee;
  7. tali maniglie siano posizionate in modo da non creare punti di pericolo durante il loro utilizzo;
  8. lo sforzo manuale per muovere la serranda non deve superare i 225N (circa 22kg) per le porte posti su siti privati ed i 390N (circa 39kg) per le porte poste su siti commerciali ed industriali (valori indicati nel punto 5.3.5 della norma EN 12453)
    ATTENZIONE : l’attivazione dello sblocco può provocare un movimento non controllabile della serranda in caso questa non sia correttamente equilibrata
  9. L’installatore prima di procedere con l’installazione deve togliere funi o catene superflue e disabilitare qualsiasi apparecchiatura non necessaria dopo l’installazione del motore di movimentazione.
  10. L’installatore prima di installare il motore di movimentazione deve verificare che la serranda sia in buone condizioni meccaniche e che si apra e chiuda adeguatamente.
  11. L’installatore dovrà installare l’organo per l’attuazione del rilascio manuale ad un’altezza inferiore a 1,8m.
  12. L’installatore dovrà rimuovere eventuali impedimenti al movimento motorizzato della serranda (es. chiavistelli, catenacci, serrature ecc.).

SERRANDA AUTOMATIZZATA

  1. Si può automatizzare una serranda solo se è conforme alla EN12604. In caso contrario deve essere resa conforme prima di procedere con l'installazione dell'operatore.
  2. Se l'installatore vuole installare una serranda con telecomando o comunque con comando NON A UOMO PRESENTE, a fine installazione l’installatore dovrà assicurarsi che il motore di movimentazione prevenga o blocchi il movimento di apertura quando la porta è caricata con una massa di 20Kg, fissata al centro del bordo inferiore della porta (per serrande che hanno aperture di larghezza superiore a 50mm di diametro) (Norma EN 12445 “Chiusure industriali, commerciali, per garages e cancelli, sicurezza nell’uso di chiusure automatiche, metodi di prova” al punto 4.1.2 “sicurezza contro il rischio di sollevamento con comando non a uomo presente”) richiede che la serranda non sia in grado di alzare oltre 20 Kg. Per ottenere ciò la RIB suggerisce di utilizzare una centralina con regolazione di forza elettrica.
  3. Per il soddisfacimento dei limiti imposti dalla EN 12453, se durante il movimento la forza di picco supera il limite normativo di 400 N è necessario ricorrere alla rilevazione di presenza attiva sull’intera altezza della porta (fino a 2,5m max).- Le fotocellule in questo caso sono da applicare come indicato nella norma EN 12445 punto 7.3.2.2).
  4. L’installatore prima di procedere con l’installazione deve prevedere l’analisi dei rischi della chiusura automatizzata finale e la messa in sicurezza dei punti pericolosi identificati (seguendo le norme EN 12453 / EN 12445).
  5. L’installatore dovrà rilasciare all’utente finale un libretto di istruzioni in accordo alla 12635. NON E' QUELLO FORNITO DALLA RIB !
  6. L’installatore dovrà applicare in prossimità dei comandi o della serranda delle etichette di attenzione sui pericoli da intrappolamento o schiacciamento in un punto molto visibile o in prossimità di eventuali comandi fissi. LA RIB FORNISCE QUESTE ETICHETTE DI SERIE IN OGNI OPERATORE.
  7. Controllare spesso l’impianto, in particolare i cavi, le molle e i supporti per scoprire eventuali sbilanciamenti e segni di usura o danni. L’utente finale non deve azionare elettricamente la serranda se questa necessita di manutenzione o riparazione dal momento che un guasto all’installazione o una porta non correttamente bilanciata può provocare ferite.
  8. L’installatore dovrà redigere un fascicolo tecnico come richiesto dalla Direttiva Macchine 98/37/EEC e dalle direttive 93/68/EEC - 73/23/EEC - 89/336/EEC - 92/31/EC
  9. Il cablaggio dei vari componenti elettrici esterni all’operatore (ad esempio fotocellule, lampeggianti, ecc.) deve essere effettuato secondo la EN 60204-1 e le modifiche a questa apportate dal punto 5.2.2 della EN 12453.

Se desiderate approfondire lo studio delle norme relative alle serrande avvolgibili, questo è l'elenco delle norme più vincolanti da acquistare:

EN 12453 2000
EN 12445 2002
EN 12604
EN 12605
EN 12635
EN 13241-1
EN 60204-1
EN 60335-2-97

Per le restanti norme vi rimandiamo all'elenco indicato nella dichiarazione di conformità del prodotto presente sul manuale di ogni operatore.


Messa in applicazione della norma Europea EN 13 241-1 al 1 maggio 2005.

Riferimenti utilizzati come base per questo articolo :
Il sito della federazione Europea dei fabbricanti di porte
Il sito di APN consigli, consigli e formazioni
UNI norma in italiano

1° LE GRANDI LINEE :
La norma EN 13 241-1 che si declina in un seguito di 19 Norme , riguarda porte, cancelli, griglie, saracinesche e barriere automatiche industriali, commerciali, residenziali o collettivi, manuali o motorizzati.
Essa permette a tutti, consumatori, fabbricanti, installatori, organismi di controllo e di sicurezza di avere un sistema di riferimento unico che precisa per tutta l'Europa : 
- I criteri di prestazione e resistenza delle chiusure.
- I criteri d'isolamento acustico e termico.
- I criteri di installazione, di sicurezza meccanica ed elettrica.
- La responsabilit dell'installatore, i citeri di utilizzo del prodotto.
- La terminologia e la definizione dei termini utilizzati nella norma.
- La definizione delle prove per la giustificazione delle prestazioni citate qui sopra.

2° Definizione dei diversi attori interessati dalla norma:

 GLI ATTORI AZIONI  RESPONSABILITA'
  "IL FABBRICANTE" :
È il produttore di una parte o della totalità della "MACCHINA"
Fornisce il materiale che rispetta le norme CE. Il materiale viene consegnato con la marcatura CE e tutti i documentoi necessari, fra cui il certificato CE e le istruzioni di montaggio e d'uso del materiale fornito.
"L'INSTALLATORE" :
È la persona che mette in servizio la "MACCHINA".
Anche se non è il fornitore dei materiali, ha la responsabilità dell'assemblaggio e del funzionamento senza rischi della "MACCHINA".
Deve almeno, ad esempio nel caso della posa di una motorizzazione di un cancello esistente :
- Verificare che i vari componenti della nuova motorizzazione possiedano tutti una marcatura ed un certificato CE.
- Rispettare le istruzioni d'assemblaggio fornite dal fabbricante.
- Dopo aver messo a punto della "MACCHINA", realizza le prove di misura di sforzo con uno strumento di misura certificato.
- Formare l'utente alla manovra e fornirgli le istruzioni per l'uso e il libretto di manutenzione della "MACCHINA".

"l'INSTALLATORE" ha l'obbligo di consigliare: :
Deve proporre un contratto di manutenzione dell'impianto che il suo cliente deve accettare, oppure "formalmente" rifiutare con un documento firmato liberando "l'INSTALLATORE" della sua responsabilità.
"L'UTILIZZATORE" :
È la persona che utilizzerà la "MACCHINA": Attenzione il cliente non è sempre "l'UTILIZZATORE".
Deve rispettare il manuale d'uso e ha l'obbligo di far effettuare, come minimo, ogni 6 mesi un controllo delle sicurezze dell'impianto.
 La "MACCHINA" :
Un meccanismo di chiusura automatizzato o no ( la porta, cancello o sbarra + la motorizzazione + gli organi di comando e sicurezza), è considerato come una "MACCHINA" che deve rispettare le norme in funzione dei diversi criteri.
Uno dei più importanti è
"IL TIPO DI USO"
definito in funzione di 2 criteri :
"L'AREA" e "L'UTILIZZATORE" *

N.B. : una porta non funzionale (che non ha un movimento) non è una "MACCHINA".
* Secondo la nostra interpretazione della norme, che non tiene conto delle eccezioni e dei casi particolari.

Vari livelli di responsabilità per "l'INSTALLATORE"
Esempio: posa di una nuova porta di garage e la sua motorizzazione.

1° CASO La porta possiede un' etichetta CE.
La motorizzazione ha una Dichiarazione CE.
ESISTE una Dichiarazione CE
che conferma che questa combinazione di porta e di motorizzazione è stata testata, e che la "MACCHINA" è conforme CE.
"L'INSTALLATORE" installa, SENZA MODIFICA, il materiale seguendo le istruzioni d'assemblaggio fornite dal(dai) "FABBRICANTE(I)" riducendo al massimo i rischi e segnalando con autoadesivi conformi i posti o rischi (minimi) che sono impossibili da eliminare.

"L'INSTALLATORE" realizza le prove di misura di sforzo con strumenti di misura certificati, firma la dichiarazione di conformità CE e consegna al suo cliente i documenti "UTENTE".

Il cliente firma una dichiarazione che è stato istruito all'uso della MACCHINA, e che è informato dell'obbligo di fare effettuare un controllo di sicurezza della "MACCHINA" ogni 6 mesi.
IN QUESTO 1° CASO, "L'INSTALLATORE " è responsabile soltanto dell'ASSEMBLAGGIO della "MACCHINA".

2° CASO La porta possiede un' etichetta CE.
La motorizzazione ha una Dichiarazione CE.
NON ESISTE una Dichiarazione CE
che conferma che questa combinazione di porta e di motorizzazione è stata testata
"l'INSTALLATORE" installa il materiale seguendo le istruzioni d'assemblaggio fornite dal(dai) "FABBRICANTE(I)" riducendo al massimo i rischi e segnalando con autoadesivi conformi i posti o rischi (minimi) che sono impossibili da eliminare.

"L'INSTALLATORE "realizza le prove di misura di impatto con strumenti di misura certificati, firma la dichiarazione di conformità CE e consegna al suo cliente i documenti" UTILIZZATORE".

"L'INSTALLATORE" redige una dichiarazione di conformità CE di questa nuova "MACCHINA".

Il cliente firma una dichiarazione che è stato istruito all'uso della MACCHINA, e che è informato dell'obbligo di fare effettuare un controllo di sicurezza della "MACCHINA" ogni 6 mesi.
IN QUESTO 2° CASO, "L'INSTALLATORE" è responsabile dei TEST CE, della COMBINAZIONE PORTA-MOTORIZZAZIONE e dell'ASSEMBLAGGIO della "MACCHINA"

3° CASO
La porta è un modello di serie e non possiede un' etichetta CE.
L'automazione ha una Dichiarazione CE.
NON ESISTE una Dichiarazione CE
che conferma che questa combinazione di porta e di motorizzazione è stata testata
"L'INSTALLATORE" controlla (valutazione dei rischi) e giustifica i rischi addizionali di funzionamento dell'insieme ("LA MACCHINA").

"L'INSTALLATORE" installa il materiale riducendo al massimo i rischi e segnalando con autoadesivi conformi i posti o i rischi (minimi) che sono impossibili da eliminare.

"L'INSTALLATORE" redige una dichiarazione di conformità CE della nuova "MACCHINA" (combinazione porta + motorizzazione) ed attacca un'etichetta CE sull'impianto .

"L'INSTALLATORE" realizza le prove di misura di sforzo con strumenti di misura certificati e consegna al suo cliente i documenti "UTENTE".

Il cliente firma una dichiarazione che è stato istruito all'uso della MACCHINA, e che è informato dell'obbligo di fare effettuare un controllo di sicurezza della "MACCHINA" ogni 6 mesi.
IN QUESTO 3° CASO, "L'INSTALLATORE" è responsabile della dichiarazione di conformità CE della COMBINAZIONE PORTA-MOTORIZZAZIONE e dell'ASSEMBLAGGIO della "MACCHINA""

4° CASO
La porta è un modello unico e non possiede un' etichetta CE Ref EBC: ici>.
L'automazione ha una Dichiarazione CE.
NON ESISTE una Dichiarazione CE
che conferma che questa combinazione di porta e di motorizzazione è stata testata
"L'INSTALLATORE" controlla (valutazione dei rischi) e giustifica i rischi addizionali di funzionamento dell'insieme ("LA MACCHINA").

"L'INSTALLATORE" installa il materiale riducendo al massimo i rischi e segnalando con autoadesivi conformi i posti o i rischi (minimi) che sono impossibili da eliminare.

"L'INSTALLATORE" redige una dichiarazione di conformità CE della nuova "MACCHINA" (combinazione porta + motorizzazione) ed attacca un'etichetta CE sull'impianto .

"L'INSTALLATORE" realizza le prove di misura di sforzo con strumenti di misura certificati e consegna al suo cliente i documenti "UTENTE".

Il cliente firma una dichiarazione che è stato istruito all'uso della MACCHINA, e che è informato dell'obbligo di fare effettuare un controllo di sicurezza della "MACCHINA" ogni 6 mesi.
IN QUESTO 3° CASO, "L'INSTALLATORE" è responsabile della dichiarazione di conformità CE della COMBINAZIONE PORTA-MOTORIZZAZIONE e dell'ASSEMBLAGGIO della "MACCHINA"

OBBLIGHI PER L'INSTALLATORE

"L'INSTALLATORE" deve stabilire per ogni "MACCHINA" 2 dossier :
Il dossier tecnico della "MACCHINA"
L'installatore deve conservare questo dossier 10 anni
I documenti all'uso dell' "UTILIZZATORE"
E' essenzialmente il libretto di manutenzione
E' l'insieme dei documenti che sono serviti per l'elaborazione della "MACCHINA" :
- L'analisi e il metodo di trattamento dei rischi.
- Il progetto meccanico.
- Il progetto elettrico.
- La verifica della conformità.
- La marcatura CE della "MACCHINA".
E' composto da:
 
- Il libretto di manutenzione della "MACCHINA".
- Le istruzioni per l'uso e di manutenzione della "MACCHINA".
- I certificati CE degli elementi che compongono la "MACCHINA".
- L'insieme dei documenti e avvisi diversi.

SANZIONI PER L'INSTALLATORE

L'INSTALLATORE è tenuto ad osservare il nuovo CODICE DEL CONSUMO (Decreto Legislativo 6 settembre 2005, n. 206 - "Codice del consumo, a norma dell'articolo 7 della legge 29 luglio 2003, n. 229")

Se l'INSTALLATORE non informa il Cliente dei sui diritti di recesso come da CODICE DEL CONSUMO => 516 a 5165 euro raddoppiabili se nell'anno il fatto si è ripetuto almeno una seconda volta (anche se si è pagata la multa la prima volta).

L'installatore che automatizza un cancello diventa Produttore. L'installatore che non realizza impianti a norme è punito secondo quanto disposto dall'art.112.